Partorire è una esperienza che ti cambia la vita. Di questo non c'è dubbio. Ora hai un neonato da cui accudire. Ma un essere nuova sulla terra non è l'unico cambiamento che porta il parto. Sapevi che il parto cambia il cervello della mamma? 

(Per leggere questo articolo in inglese schiaccia qui.)

Sapevo di essere incinta con mio secondogenito quando sentivo le caviglie meno stabile e quasi elastiche. Riconoscevo questa sensazione del corpo scomodo e diverso, e sentivo ansia mischiato con felicità.

 Le farfalline nello stomaco mi dicevano che stava per accadere una cosa più grande di me.

Sapevo che mio corpo faceva spazio per una nuova vita.

Quello che non sapevo allora era che il mio cervello stava entrando in una fase di rimodulazione insieme al mio corpo.

Si preparava per farmi diventare una mamma attenta di cui un bebè ha bisogno.  La materia grigia, una sostanza di colore rosa-grigio che influisce la memoria e il linguaggio, cresceva.  L’ossitocina, l’ormone d’amore che promuove il bonding, aumentava nel mio cervello e nel mio sangue.  Il mio cervello si stava preparando per prendere una nuova forma con nuove connessioni neurali.  La mia prospettiva del mondo stava per spostarsi.

Se sei una nuova mamma e ti sembra di vedere il mondo tramite una lente di un colore leggermente diverso dopo il tuo parto, hai ragione, è cambiato la lente, e non sei sola.

Una cosa bella di questo cervello che si trasforma con il diventare mamma è che puoi reinventarti completamente.  Puoi essere sempre tu, ma ancora meglio di prima.  Ricordati, pero, che avrai bisogno di appoggio ed amore.  Tuo cervello è in una fase di costruzione.  È sensibile nel suo nuovo ruolo.  Prima che queste connessioni neurali trovino suo nuovo cammino, la tua lente potrebbe sembrare un po' fuori fuoco. 

Il momento del parto e la neomaternità è anche un momento di guarigione di ferite del passato.  Per esempio, vittime di violenza fisica o verbale che soffrono di autostima bassa o che hanno una sensazione di perdita di controllo nella vita possono riprendere questo controllo se hanno tanto appoggio durante questo momento sensibile. Hanno l'opportunità di ritrovare il suo potere interiore.  Se leggete l'inglese potete leggere qua una storia scritta di una mamma che ha sentito il potere del parto come una cura.  Le parole che mi hanno toccato particolarmente sono queste:

"As my baby pressed into the walls of my being, pressing impossibly wider with every push, the old story seemed to be forced right out with him. There was no room for the story of a small, voiceless victim. A new story was being written, cell by glorious cell." -Katie Wise

"Mentre mio bebè premeva i muri del mio corpo, facendo crescere impossibilmente il canale con ogni mia spinta, la vecchia storia usciva con lui.  Non c’era più spazio per la storia di una vittima piccolo e senza voce.  Una storia nuova si stava emergendo, con ogni gloriosa cellula." 

Sentiamo spesso quanto è delicato questo momento nei cervelli dei nuovi bebè.  Stanno imparando mille cose in ogni attimo perché il mondo è tutto nuovo per loro.  Sono i miglior scienziati del mondo perché fanno esperimenti in continuo sul ambiente sociale e fisico.  Dobbiamo dare spazio a questi sperimenti e trattare questi nuovi esseri con una cura speciale.

Ma non dimentichiamoci la mamma.  Lei è nuova anche.  Lei fa la stessa strada del suo bebè.  Insieme, loro cervelli crescono e danno una nuova forma.  Benvenuto al mondo bebè, e benvenuta al mondo mamma.

Ti senti diversa ora che sei mamma? Come è stato la tua esperienza del parto? Mi piacerebbe leggere delle vostre esperienze!

 

 

2 Comments